Da Duplice delitto e Hong Kong, di Chan Ho Kei

Ma che mi era preso? Tutti i poliziotti sanno benissimo che non devono mai togliersi pistola e distintivo. E se qualcuno avesse approfi ttato del fatto che dormivo come un sasso per entrare in macchina e rubarli? Allora sì che sarebbero stati guai. Mi riscossi e rimisi la pistola nella fondina intorno alla vita, appesi il distintivo al taschino della camicia, indossai la giacca e le scarpe sporche, dopo di che uscii. Mi stiracchiai e le ossa risposero scricchiolando. Forse ero andato a bere qualcosa al pub dopo il turno; ma per quanto mi sforzassi, non mi ricordavo assolutamente nulla della sera prima: dove ero stato, con chi mi ero incontrato, a che ora ero tornato al parcheggio. Il vuoto più totale. Ad ogni modo, mi ritenevo più che fortunato per essermi svegliato nella mia macchina e non in un letto d’ospedale. Considerate le mie condizioni, non aver fatto neanche un incidente era un vero miracolo. «Da poliziotto, conoscere le regole e allo stesso tempo violarle è decisamente degradante», dissi all’improvviso con un sorriso amaro.

Da Duplice delitto a Hong Kong, di Chan Ho Kei

Acquista qui il libro

Acquista qui l’ebook

Comments are closed.
mcnespey-jennefer@mailxu.com gruesbecklillia@mailxu.com carbonara_neda