• Chi siamo

    La casa editrice di Andrea Berrini, scrittore e saggista. L’obiettivo: scoprire e tradurre narratori contemporanei asiatici che propongono scritture innovative.
  • Libri

  • Parlano di noi

    • Xiaolu Guo intervistata da Feedbooks
    • La somma delle nostre follie su FantasyMagazine
    • La somma delle nostre follie tra i consigli di Wired
    • Xiaolu Guo sul Corriere della Sera
  • Autori

Tutti i post su in diretta dall’asia

Piccoli pugili e grandi autori (meglio questi)

A Yi: raccontare le bassezze, le cattiverie, le impossibili convivenze tra gli umani: meglio raccontarle che costruirle

(continua su Pagina99)

L’uomo panda, l’Alfa gialla, lo scrittore, l’editore

E’ inverno e ci sono tre personaggi a Chaoyang. Quattro, contando l’Alfa gialla. Cinque, contando anche il panda che…

(continua su Pagina99)

Censura in Cina, scrittori ingessati, soldini per tutti, facciamo qualcosa?

La censura sulla produzione letteraria stirnge il suo cerchio. E contemporaneamente il Governo cinese inonda di contributi gli editori all’estero. Risultato: narrazioni addomesticate, castrate. Come dobbiamo comportarci?

(continua su Pagina99)

Dice che la scena rock mongola è molto attiva

Gli Hanggai, una sera, in un capannone di Pechino. A cavallo di un cavallo. Con l’auspicio che ci salti in groppa anche qualche scrittore, a un cavallo così.

(continua su Pagina99)

Expat e cinesi: mal d’Asia, performance, il vero e il verosimile

Venite nel mio atelier un pomeriggio, ma restate quando fa buio, dice l’artista e performer. Quel che si vede, e quel che non si vede in Cina

(continua su Pagina99)

Scrittori italiani in Cina: show, urlate, cinesi allibiti

Tema: il lavoro. C’era Pennacchi. E sarà pure un buon libro il suo Mammut, ma perchè urlare come fossimo in tv? Figuraccia

(continua su Pagina99)

Non abbiamo fatto brutti sogni, stanotte

Fluxus e i contadini poveri, Sartre e  Pasolini nelle campagne dell’Anhui: funzionerà?

(continua su Pagina99)

Hammerstein a Jakarta: il borsalino, gli scacchi, i romanzi in parallelo, un traffico da paura

Richard Oh molte ne ha fatte: scrittore, editore, libraio, fondatore di premi letterari a Jakarta. E scacchista sul web, seduto dentro alla sua Reading Room.

(continua su Pagina99)

Narrativa di genere: il pop di Amir Muhammad in Malesia

Un editore genialoide, capace di riempire uno spazio vuoto: Fixi pubblica in lingua malay il poliziesco, la fantascienza, i vampiri e gli zombie. Giovani autori locali e un successo clamoroso.

(continua su Pagina99)

A Ubud LitFest: di democrazia, turismo letterario, Islam, caste, classi

Un festival atipico nell’isola di Bali, grandi dibattiti, un po’ di turismo, grandi nomi, un po’ di glamour. Budget risicato, ma ottimo team di festival programmer, quasi tutte donne. Indonesia sugli scudi.

(continua su Pagina99)

thurstonson