• Chi siamo

    La casa editrice di Andrea Berrini, scrittore e saggista. L’obiettivo: scoprire e tradurre narratori contemporanei asiatici che propongono scritture innovative.
  • Libri

  • Parlano di noi

    • Cortina di pioggia sul Corriere della Sera
    • Tempo sospeso
    • La libreria dei gatti
    • Bridging Cultures a Singapore: costruire ponti, ma in che lingua?
  • Autori

Tutti i post su in diretta dall’asia

Tempo sospeso

A Singapore ogni maschio maggiorenne è costretto a fermare la propria vita per due anni: il servizio di leva obbligatorio. Ma gli scrittori come lo raccontano questo tempo sospeso? Certo non come il tempo sospeso delle nostre e dello loro vacanze, che pure è ugualmente il tempo del vuoto.

(continua su Pagina99)

La libreria dei gatti

A Singapore Kenny Leck si è inventato una libreria – e una casa editrice – che va per la maggiore. La chiave del successo? Presentare il tuo luogo al tuo pubblico. Con tante cosettine e tre gatti che si aggirano tra gli scaffali.

(continua su Pagina99)

Bridging Cultures a Singapore: costruire ponti, ma in che lingua?

Le due sponde sono lontane: il mandarino e l’inglese. E tanti soldini piovono da una parte e dall’altra per far prevalere il proprio softpower. Chi costruirà il ponte?

(continua su Pagina99)

La congelata Singapore, e il grimaldello sessuale (e famigliare)

Citta stato, città azienda: ma si è aperto uno scontro, sulla accettabilità (almeno letteraria) di ‘nuove forme di famiglia’. Bel grimaldello, per riscaldare gli animi in un paese che ne ha bisogno.

(continua su Pagina99)

Rem Koolhaas, Carver e Ballard a Singapore

Singapore, la nuova AsiaDisneyland del ceto medio asiatico. Cosa si nasconde dietro le programmate esistenze di questo vasto quartiere esistenzale dell’anima (citando Ballard)?

(continua su Pagina99)

L’editore indipendente che stupisce la Cina

Lu Jinbo, meteora dell’ultimo decennio, ha fondato due case editrici indipendenti (che detta così, in Cina, è una parola grossa). Si è specializzato in bestsellers locali, e non gli importa venderli all’estero: basta il mercato cinese, per diventare ricchi.

(continua su Pagina99)

Di colori al neon, omosessualità, censura, fame e karaoke

L’omosessualità in Cina. Un po’ censurata, un po’ perseguitata, un po’ ignorata. Ma a Shanghai, luogo d’incontro di oriente e occidente, è diverso. Non basta, però, per darci un buon romanzo.

(continua su Pagina99)

Inglese vs cinese: una lettera da Shanghai

Softpower, così lo chiamano. Il confronto tra l’Occidente e la Cina si riflette, sul piano linguistico, nel confronto tra le industrie editoriali che tentano di imporre la propria lingua a livello continentale. Ma sarà meglio provare a capirci, noi e i cinesi.

(continua su Pagina99)

Ou Ning, l’intellettuale cinese che torna alla terra

Poliedrico intellettuale e artista, curatore di mostre d’arte, critico letterario, grafico, propugnatore del Movimento per la Ricostruzione Rurale, Ou Ning ha lasciato Pechino per andare a vivere in uno splendido villaggio tradizionale nel centro della Cina

(continua su Pagina99)

L’Asia in timelapse: gli scrittori la raccontano

La rapida trasformazione delle città in Asia orientale travolge la classe media che le abita. Gli scrittori interpretano lo spaesamento individuale raccontando storie che interessano anche noi occidentali. Stessi temi, diversa velocità (o lentezza) di mutazione

(continua su Pagina99)

shankle@mailxu.com boninaalma kallio-johnetta kinkel.cortez@mailxu.com hanebutt_rhu@mailxu.com