• Chi siamo

    La casa editrice di Andrea Berrini, scrittore e saggista. L’obiettivo: scoprire e tradurre narratori contemporanei asiatici che propongono scritture innovative.
  • Libri

  • Parlano di noi

    • A Yi e Chan Ho Kei su Alias
    • Ayu Utami su Alias
    • L’impero delle luci segnalato su Internazionale
    • Metropoli d’Asia sulla Rivista Tradurre
  • Autori

Tutti i post su hong kong

Chan Ho Kei e Hong Kong

L’articolo di Chan Ho Kei, autore per Metropoli d’Asia di Duplice delitto a Hong Kong, su La Stampa. L’autore parla delle proteste di Hong Kong facendo un parallelo con quanto avvenuto nella storia recente tra Irlanda del Nord e Inghilterra. Lì si arrivò faticosamente a un accordo, seppur passando per un bagno di sangue che si portò dietro anni di scontri.

Così come il punto di incontro in quel caso fu l’accettazione della condivisione del potere con la popolazione locale, l’auspicio e l’invocazione dell’autore è di fare la stessa cosa, senza ripetere gli errori di quella maledetta domenica.

Occupy Hong Kong: #umbrellarevolution, limiti, perimetri e coraggio

Occupy Central, gli ombrelli contro gli spray al peperoncino e qualche domanda sulle speranze, sui limiti, sulle parole che possiamo usare. Al di là dell’attualità.

(continua su Pagina99)

Lorenzo Mazzoni su Duplice delitto a Hong Kong, e Metropoli d’Asia

Sul suo blog ospitato dal Fatto Quotidiano, lo scrittore Lorenzo Mazzoni racconta di aver letto Duplice delitto a Hong Kong, di Chan Ho Kei.

Dimostra poi di aver letto e apprezzato altri libri della nostra casa editrice, citando nell’articolo alcuni titoli come Malesia Blues e Come un diamante nel cielo.

Si tratta di un libro che ruota intorno alle identità multiple, metafora simbolica di quello che rappresenta la megalopoli asfittica di Hong Kong, una città dove contemporaneità e tradizione si incrociano, si scontrano, si scambiano di ruolo. La storia prende avvio con l’ispettore Hui Yau-Yat che si sveglia in macchina e non ha idea di come sia finito in un parcheggio così lontano da casa sua

(continua a leggere sul blog di Lorenzo Mazzoni)

Doppiozero: Asia a perdita d’occhio

L’articolo di Andrea Berrini sulla Corea del Nord e più in generale sulla situazione attuale del Sud Est asiatico, già comparso su In diretta dall’Asia, ora è anche su Doppiozero come editoriale della settimana.

Chan Ho Kei su D – la Repubblica

Chan Ho Kei, autore con Metropoli d’Asia di Duplice delitto a Hong Kong, è stato citato su D – la Repubblica del 13 marzo, all’interno di un lungo speciale di approfondimento su Hong Kong.

Tan Twang Eng ha vinto il Man Asian Literary Prize

Il Man Asian Literary Prize per il 2012 è andato allo scrittore Tan Twang Eng, per il romanzo The Garden of Evening Mists. Si tratta della prima volta per un autore proveniente dalla Malesia, e anche la prima per un libro scritto originariamente in inglese. Come già ricordato, questa sarà l’ultima volta che il premio è stato sponsorizzato da Man. Un nuovo sponsor dovrebbe essere annunciato a fine aprile.

Il nuovo numero di Cha

Nel numero di marzo di Cha: An Asian Literary Journal segnaliamo un bell’editoriale di Tammy Ho. Tra le recensioni due libri di Ethos Books (The New VIllage e The Beating and Other Stories), più Out!, un’antologia di scritture omosessuali indiane, tra cui Crocodile Tears di R. Raj Rao.

La shortlist del Man Asian Literary Prize

È stata annunciata la shortlist del Man Asian Literary Prize, che dall’anno prossimo dovrebbe cambiare sponsor e quindi anche nome.

I titoli selezionati sono Between Clay and Dust, di Musharraf Ali Farooqi (Pakistan) The Briefcase, di Hiromi Kawakami (Giappone), Silent House, di Orhan Pamuk (Turchia), The Garden of Evening Mists, di Tan Twan Eng (Malesia), Narcopolis, di Jeet Thayil (India).

Il vincitore sarà proclamato il prossimo 14 marzo.

Duplice delitto a Hong Kong segnalato da Il Cittadino

Una segnalazione di Duplice delitto a Hong Kong, di Chan Ho Kei, è comparsa sul quotidiano Il Cittadino.

Cosa succede al Man Asian Literary Prize

Sembra che la prossima edizione del Man Asian Literary Prize sarà l’ultima, almeno con questa intitolazione, perché lo sponsor del premio ha annunciato che abbandonerà la sua partnership, all’interno di un programma di ridimensionamento dei costi.

A questo punto, se non se ne troverà un altro il rischio per la competizione è quello di sparire del tutto. Sul sito del premio è comparsa una lettera-appello per cercare nuovi finanziatori.

Via: @pageturner

swithenbankjennefer@mailxu.com kinnon_melodee@mailxu.com bonina_rhu@mailxu.com