A Yi intervistato da Contorni di Noir

Dopo aver dedicato una recensione a E adesso?, il nuovo romanzo di A Yi pubblicato da Metropoli d’Asia, il sito Contorni di Noir ha incontrato l’autore in occasione della sua visita in Italia. Partendo dalla sua storia personale e delle sue influenze culturali, nella lunga intervista si è poi parlato del libro e dei temi trattati.

La letteratura orientale si distingue molto dalle altre per le trame ricercate e testi atipici. Come se foste avulsi dai condizionamenti editoriali. Si scrive per gli altri o per se stessi?
Io scrivo per me stesso. Questo romanzo in realtà non è in stile orientale, perché sono stato influenzato dalla letteratura straniera. Quindi rispetto a tutta la letteratura occidentale è la conseguenza di un’assimilazione. In particolare rispetto all’esistenzialismo così come viene espresso con Kafka, Sartre, Camus, Dostoevskij. Kundera. I miei romanzi brevi sono diversi. Mi piace scrivere di storie dove si trattano le maledizioni o testi dove combino il mistero orientale all’esistenzialismo occidentale. In generale, ciò che mi interessa di più è scrivere degli emarginati, di quelle persone da compatire.

(continua a leggere su Contorni di Noir)


Acquista qui il libro

Comments are closed.
glasgowrhu@mailxu.com