Silvia Pozzi, traduttrice per Metropoli d’Asia, intervistata da agiChina

Silvia Pozzi, docente di lingua e letteratura cinese e traduttrice per Metropoli d’Asia, è stata intervistata da agiChina per parlare di Verso Nord. unonoveottootto, di Han Han. Si è parlato anche delle numerose differenze di linguaggio con il romanzo di esordio dell’autore cinese, Le tre porte. Infine, anche qualche suggerimento su altri autori e generi della letteratura cinese non ancora tradotti in italiano.

Che cosa l’ha colpita di più di “Verso nord unonoveottootto”?
Il romanzo si snoda lungo due piani temporali, quello dell’infanzia del protagonista, la voce narrante, e quello del viaggio in macchina con la prostituta Nanà. L’infanzia è raccontata non con rimpianto, ma quasi senza emozione, solo come una serie di ricordi cristallini. Ne emerge l’importanza dei rapporti di amicizia, valore tipicamente confuciano, un pezzo di sé che ci si porta nella vita. Il viaggio on the road è invece una fuga da qualcosa verso qualcosa che non si capisce bene: la meta non è certa, quel che è certo è che sembra sempre che si scappi. Anche se si tratta di una non-storia, in cui non succede nulla, quando si arriva alla fine del libro ci si accorge che il viaggio fatto con i protagonisti non è stato invano. Han Han, senza dare spazio alle emozioni, descrive azioni che lì per lì sembrano innocue, ma che poi ti lavorano dentro. Racconta in modo cinico la brutalità dell’essere umano, ma sotto la superficie fa filtrare una grande umanità. Rendendo ad esempio i due protagonisti, molto lontani tra loro per identità e per vissuti, molto complici.

(continua a leggere su agiChina)


Acquista qui il libro

Comments are closed.
sport.emeline@mailxu.com coaxum@mailxu.com