Hong Kong e libertà, l’opinione di Chan Ho Kei e Andrea Berrini su Left

Sul settimanale Left si può leggere un’intervista a Chan Ho Kei, autore con Metropoli d’Asia di Duplice delitto a Hong Kong, per parlare di Hong Kong e di com’è cambiata dopo il passaggio di 20 anni fa alla Cina, soprattutto dal punto di vista dell’editoria e della libertà di espressione. L’autore individua un punto di svolta nella Rivoluzione degli ombrelli del 2014, dalla quale è nato un nuovo interesse per la politica e la società. Si parla poi più specificamente di mercato editoriale, dei costi degli affitti troppo alti e della necessità di stampare i libri in Cina, con conseguenze sulla censura.

Nello stesso articolo troviamo anche l’opinione di Andrea Berrini, editore di Metropoli d’Asia, che mette l’attenzione sulla rete e sull’abitudine alla libertà digitale. C’è sull’isola una straordinaria vitalità cosmopolita, anche in campi diversi come il cinema. Se le libertà dovessero ridursi, secondo Berrini ci sono le condizioni per la nascita di un nuovo movimento underground.

Comments are closed.
mezzinni_waltraud@mailxu.com dahooddanae@mailxu.com haworth-lillia@mailxu.com